La Silver Economy cresce a livello globale ed è la quarta economia mondiale

Top & Hot

2:46 pm

15 novembre 2022

Cresce e non si arresta la silver economy. Da anni il segmento economico e finanziario dedicato agli over 65 non conosce flessioni, tanto che questa fetta di mercato rappresenta la quarta economia mondiale sia in termini di investimenti che di fatturati. I numeri elaborati dalle Nazioni Unite ci dicono che nel 2020 abbiamo raggiunto la soglia di 727 milioni di persone con più di 65 anni a livello globale. Le stime previsionali attuali indicano che l’incremento continuerà la sua ascesa, tanto che si prevede di raggiungere quota 1,5 miliardi di over 65 nel 2050.

SILVER ECONOMY MOTORE DI SVILUPPO

Le società economiche avanzate sono consapevoli dell’importanza strategica del segmento sociale silver, divenuto uno dei principali motori di sviluppo economico. In questo contesto aumentano i mercati di riferimento e le politiche pensate per l’ampia fetta di popolazione argento che spende, partecipa attivamente al benessere della società e chiede misure adeguate e stabili per esigenze peculiari. L’enorme aumento della popolazione senior da un lato, unito alla crescente domanda di servizi e opportunità dedicate ai loro bisogni e desideri, fanno della Silver Economy una grande opportunità di mercato e di crescita economica. Com’è ormai noto, la Silver Economy è l’economia dei consumi privati della popolazione over 65 e della spesa pubblica dedicata alla fascia senior. Consumi e spese aumentano il valore generato dalle imprese che targettizzano prodotti e servizi su questo cluster. Inoltre, la popolazione senior fa da volano per l’economia nel suo complesso grazie al valore generato lungo la catena delle imprese fornitrici di servizi e prodotti per anziani e alla generazione di reddito per il personale che lavora per queste imprese. Non solo: anche le interconnessioni tra prodotti e servizi di diverse industries incrementano il valore generato da questa economia. Basti pensare all’acquisto di tecnologia per la casa, così come di servizi di intrattenimento online, di formazione online, della telemedicina e di tutta la gamma di prodotti pensati per i senior.

PNRR PER IL MERCATO SENIOR

La pandemia Covid-19 ha generato radicali cambiamenti nelle abitudini globali, costringendoci a ripensare tutti gli ambiti della sfera sociale e considerare anche nuove necessità dei cittadini. L’Europa ha dato vita al Next Generation Ue e l’Italia, con i fondi europei, ha creato il suo Pnrr. Fra i grandi obiettivi del Piano di Ripresa e Resilienza c’è senza dubbio quello di costituire un nuovo modello di sanità che metta in correlazione ospedale e territorio, incentivando anche l’eHealth. Il cittadino che desidera essere curato in casa, vicino casa o recandosi in hub facilmente raggiungibili e che rispondano alle proprie esigenze complesse, deve poter godere di questi servizi. Queste esigenze specifiche trovano nella popolazione senior la fetta di mercato maggiormente interessata e coinvolta. In Italia, il valore dell’impatto dei consumi diretti degli over 50 è pari a 180 miliardi di euro, 620 miliardi tenendo conto anche dell’impatto indiretto e dell’indotto. Parliamo di circa un terzo del prodotto interno lordo nazionale. Con questi numeri è evidente che l’obiettivo di offrire una sanità di prossimità, più efficiente ed efficace non possa che annoverarsi fra gli asset strategici del Pnrr.

SANITÀ RESILIENTE E INVESTIMENTI

Il problema sanitario nazionale è al centro di un vivace dibattito pubblico che ha posto fra le priorità la realizzazione di una rete infrastrutturale tecnologica all’avanguardia e la ridefinizione dell’assetto urbanistico delle città in chiave sostenibile e sociale, al fine di garantire gli individui. I fondi previsti dal nuovo Pnrr sono rivolti principalmente all’avanzamento tecnologico e al miglioramento delle infrastrutture. La casa di comunità, così come gli ambulatori di prossimità a bassa intensità, uniti agli ospedali di comunità sono le sfide del futuro e in alcuni contesti sono già realtà funzionanti, capaci di mettere in relazione le necessità del cittadino con l’offerta di assistenza sanitaria pubblica e privata.
Accanto al ripensamento degli spazi urbanistici e territoriali, il Pnrr del “pilastro sanità” prevede l’istituzione di una centrale operativa territoriale che ricoprirà un ruolo strategico dal punto di vista organizzativo, assicurando l’attività di coordinamento nella presa in carico del paziente e la collaborazione tra servizi e professionisti convolti in differenti attività territoriali, sanitarie, sociosanitarie e ospedaliere.

SILVER ECONOMY TREND ECONOMICO GLOBALE

Secondo una stima realizzata dall’Oxford Economics e Technopolis Group entro il 2025 solo in Europa la Silver economy arriverà a valere 5,7 trilioni di euro, somma pari a quasi un terzo del Pil dell’Unione. Con questa prospettiva, il mercato e l’industria stanno investendo su prodotti e servizi rivolti alla Terza età e ai suoi bisogni. In cima ai settori individuati per gli investimenti “premium” da parte delle aziende troviamo la sanità e la finanza così come la farmaceutica e le nuove tecnologie, ma anche il settore assicurativo. Gli esperti sottolineano: “i fondi di investimento azionari tematici sono strumenti utili, perché investono specificamente in aziende identificate come beneficiarie della tendenza all’invecchiamento della popolazione e per le quali si prevede in modo durevole nel tempo una crescita del loro fatturato e dei loro profitti”.

Siamo convinti che i piccoli gesti facciano la differenza.
Perciò quando la navigazione è inattiva, appare la schermata di risparmio energetico.
Il tuo monitor consuma meno e l’ambiente ne trae beneficio.

Clicca un qualsiasi punto dello schermo per riprendere la navigazione.

WordPress Video Lightbox